ArtSail loading icon...
Olivia Gozzano

 

Olivia Gozzano

Romana di nascita e milanese d'adozione, ma cittadina del mondo (madre tedesca e nonni materni russi), l'arte scorre nel sangue di Olivia da più generazioni.
E' pronipote di Guido Gozzano, il poeta "crepuscolare" ed è cresciuta in famiglia con la la madre, anch'essa fotografa e il padre inventore/videomaker.
Dopo il liceo artistico inizia a lavorare come assistente fotografa per diversi studi. Poi per un po' fa l'attrice, ma la fotografia le rimane nel cuore e ricomincia a lavorare come professionista in Toscana, dove fotografa spaziando dallo still life agli interni, affinando sempre più la tecnica.
Rientrata a Milano esplora altri ambiti fotografici: servizi redazionali, ritratti, moda e paesaggi. In particolare è affascinata dai paesaggi disabitati. Più che dal soggetto Olivia Gozzano è attratta dalla relazione intima che stabilisce con esso quando lo ritrae, indipendentemente se sia un luogo o una persona. Il risultato sono immagini dense, talvolta oniriche e inaspettate, tracce di storie vissute o ancora da vivere.
Contemporaneamente sperimenta nuovi linguaggi e tecniche che la portano a esporre e partecipare a mostre o lavori editoriali particolari.
Le fotografie di Olivia Gozzano sono state pubblicate da diverse testate giornalistiche: Vanity Fair, Elle (progetto "Icone Femminili"), Io Donna, TuStyle, F, Alias manifesto, Style-italia (Cina), Eretz Magazine (Israele).
Dal 2000 al 2007, ha realizzato una mostra sulle foto di scena per il "Teatro Povero" di Monticchiello, ha partecipato a varie collettive per il Festival Internazionale delle Ombre di Poggibonsi e per la Galleria Biale Cerruti di Siena.
Nel 2011 alcune sue opere sono state esposte alla 54 Biennale di Venezia curata da Vittorio Sgarbi nelle mostre collettive di Milano e Torino.
Dal 2012 collabora con "Atomo", storico street artist milanese, per la creazione di stencil per graffiti e quadri e nell'organizzazione di eventi legati alla street art. Sempre nel 2012 realizza una personale dedicata alla cantautrice Didi Martinaz esposta in diversi locali milanesi tra cui la libreria Gogol.
Nel 2014 una personale di Olivia Gozzano viene esposta alla PoPup Design Gallery di Milano.
Nel 2014 nel circuito del Photofestival di Milano viene ospitata una sua mostra personale al Mib.
Nel 2015 realizza, per la casa editrice Skira, le fotografie per il catalogo "Energy Box, una mostra a cielo aperto".
Dal 2018 si dedica, oltre che alla fotografia, e alla decorazione di interni, alla creazione di opere artistiche più materiche, utilizzando colle, cere e vernici per trasferire su tele, legno e altri supporti le sue immagini usando anche stencil, spray e vernici.
Nel 2019 espone 4 opere alla Biennale Internazionale Donna a Trieste.
Nel 2021 espone la personale "Donne Quantiche" nella chiesa consacrata Vergine Assunta in Cascina Linterno a Milano.
Attualmente alcune sue opere sono esposte presso la Galleria Ponzetta a Pietrasanta.



Share

Cookie

Questo sito web utilizza cookie di terze parti

X - CHIUDI
Questo sito utilizza cookie tecnici anonimi per garantire la navigazione e cookie di terze parti per monitorare il traffico e per offrire servizi aggiuntivi come ad esempio la visualizzazione di video o di sistemi di messaggistica. Senza i cookie di terze parti alcune pagine potrebbero non funzionare correttamente. I cookie di terze parti possono tracciare la tua attività e verranno installati solamente cliccando sul pulsante "Accetta tutti i cookie". Puoi cambiare idea in ogni momento cliccando sul link "Cookie" presente in ogni pagina in basso a sinistra. Cliccando su uno dei due pulsanti dichiari di aver preso visione dell'informativa sulla privacy e di accettarne le condizioni.
Maggiori informazioni